venerdì 6 maggio 2016

Vado via col tamburo

Dal 'non mi fido, non ti conosco', fatto di tensione e rifiuto.
Attraverso il suonare insieme, che ristabilisce un contatto oltre l'impossibilità delle parole.
Al movimento 'andiamo' io lui e la sua amica, il tamburo sotto il braccio.

Amicizia stabilita, nella prima seduta di musicoterapia col signor Mino.

Nessun commento:

Posta un commento

Voce e tamburo sciamanico a sostegno della memoria fragile

Seduta di musicoterapia in nucleo Alzheimer con Jolanda. La voce guida il respiro, il ritmo, lo scambio relazionale e la memoria a breve t...